Saldi dal 20% al 60% e con il codice GREAT10 -10% sui prodotti non in saldo

Un viaggio negli USA
Regole, vaccini e tutto quello che devi sapere

Catistore S.r.l.

Hai sempre sognato un viaggio negli USA? O stai già facendo progetti in vista della tua partenza verso gli Stati Uniti d’America?
Prima di prenotare devi assicurarti di conoscere tutta una serie di regole fondamentali e di adempimenti da rispettare per poter mettere piede sul suolo americano. Vediamoli insieme.


I documenti
I documenti obbligatori per viaggiare negli Stati Uniti sono due: il passaporto elettronico e, a seconda della situazione, l’ESTA o il visto.
Non è obbligatoria ma è, comunque, fortemente consigliata, l’assicurazione di viaggio.

• Il passaporto elettronico
Il documento fondamentale che, in quanto cittadini italiani ed europei, ci permette di entrare negli USA è il passaporto elettronico.
È, per noi, l’unico documento di identità valido per questo scopo.
Questo passaporto è dotato di un microchip nel quale sono immagazzinati tutti i dati anagrafici e le impronte digitali del titolare.

• ESTA
L’ESTA – Electronic System for Travel Authorizazion – è un documento elettronico che consente di viaggiare negli USA senza necessità di richiedere un visto.
Viene rilasciato a tutti coloro che sono cittadini o residenti legali di un Paese che fa parte del “Visa Waiver Program” – Viaggio Senza Visto – degli Stati Uniti. L’Italia è fra questi Paesi, per cui possiamo potenzialmente ottenere l’ESTA. Ci sono, però, tutta una serie di requisiti da rispettare che limitano le possibilità di viaggiare con questo documento – niente paura, c’è sempre la seconda possibilità del visto.
Questi i vincoli per l’ottenimento dell’ESTA: il motivo del viaggio in America deve essere unicamente o per turismo o per affari; la durata del viaggio non può superare i 90 giorni; bisogna essere in possesso del passaporto elettronico; si deve dimostrare di aver già acquistato il biglietto di ritorno; non si deve essere già in possesso di un visto.
Per ottenere l’ESTA basta fare una richiesta online il cui costo è di pochi dollari. Una volta rilasciato – di solito nel giro di poche ore –questo documento ha due anni di validità, purché la durata di ogni viaggio negli USA effettuato in questo lasso di tempo non superi i 90 giorni.

• Visto
Se per qualsiasi motivo non si può ottenere l’ESTA, si può comunque viaggiare in America con il visto, che in inglese si chiama Visa. Bisogna considerare, però, che per ottenerlo possono volerci dei giorni, almeno una decina, per cui bisogna attivarsi in anticipo. C’è anche da mettere in conto una spesa un po’ superiore rispetto all’ESTA.
Il visto va richiesto all’Ambasciata e al Consolato degli Stati Uniti, che ha quattro sedi in Italia: Roma, Napoli, Milano, Firenze. Non esiste, però, una richiesta unica e un’unica lista di documenti da presentare, perché esistono molte differenti tipologie di visto, che variano in base alle motivazioni del viaggio. Ognuno di essi richiede un’apposita documentazione e, in seguito, anche diverse tempistiche per il rilascio e diverse spese.
Alcuni dei più comuni sono il visto per turismo, per lavoro e per studio.

• L’assicurazione di viaggio
Abbiamo detto che non è un documento obbligatorio per entrare negli Stati Uniti, ma è fortemente consigliato.
In generale, stipulare un’assicurazione è una buona idea a prescindere dalla destinazione del nostro viaggio. Con una spesa di solito abbastanza contenuta si è tutelati in caso di possibili sfortunate evenienze, quali l’annullamento del viaggio, il furto o lo smarrimento dei bagagli, il furto o lo smarrimento dei documenti, il rimpatrio anticipato.
Ma quando parliamo di USA c’è un motivo in più per prendere in considerazione l’aggiunta di un’assicurazione ai documenti di viaggio: in America non c’è un sistema sanitario nazionale, le cure mediche sono private e hanno costi altissimi; se si dovesse verificare il malaugurato caso di dovervi ricorrere, anche a seguito di un incidente banale, ci si potrebbe ritrovare con un conto di migliaia di euro da saldare, o, addirittura, potrebbe succedere di vedersi negare l’assistenza sanitaria necessaria per l’impossibilità di pagare.
Questo ci sembra un motivo più che valido, no?



I vaccini
Ad oggi, per viaggiare negli Stati Uniti non serve più il Green Pass, ma possono entrare nel Paese solo i viaggiatori internazionali completamente vaccinati contro in Coronavirus – sono esenti dall’obbligo i minori di 18 anni.
Per completamente vaccinati si intendono i soggetti che abbiano ricevuto tutte le dosi di un vaccino approvato dalla FDA – Food and Drug Administration – o dall’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità, oppure tutti coloro che abbiano ricevuto la seconda dose di vaccino da almeno 14 giorni prima della partenza verso gli USA – una sola nel caso di vaccino Johnson & Johnson, oppure ancora coloro che siano stati vaccinati con una combinazione di sieri diversi che siano però stati approvati dalla FDA. Inoltre, chi ha contratto il Coronavirus e in seguito ha ricevuto una sola dose di un vaccino – che non sia Johnson & Johnson – non è considerato completamente vaccinato.
Non ci sono indicazioni riguardo ad altri vaccini relativi ad altre patologie.

Catalogo Prodotti

Ampia fornitura di borse, valigie, zaini e molto altro

Scopri adesso il catalogo!



Scopri i Prodotti